giovedì, ottobre 19, 2006

Quale futuro per il trasporto pubblico?


La città di Milano ha maledettamente bisogno di un miglioramento sostanziale e rapido della propria rete di mezzi pubblici. In questo senso è fondamentale e prioritario concentrarsi sulle linee di metropolitana, mezzo che garantisce volumi di passeggeri più elevati rispetto al trasporto su gomma. Inoltre non crea traffico, è più rapida poiché in sede riservata e, a parità di volume di passeggeri, inquina meno poiché sfrutta in modo più efficace l'energia di cui dispone.
Cosa si sta facendo in questa direzione?
Allungamento di alcune linee in corso, tra cui:
la linea 2 (verde) dalla fermata Abbiategrasso fino ad Assago (in superficie)
la linea 3 (gialla) dalla fermata Maciachini fino alla fermata Comasina (passando per Affori)
bene, bravi.
Ma 3 linee non sono forse un po' pochine per un comune di 180 km quadrati e un bacino d'utenza di almeno 3 milioni di persone?
Sì, giusto.
E allora ecco le linee 4 e 5.
Bene, bravi, bis.
La 4 da Lorenteggio (periferia sud-ovest) fino a Linate (est), ottimo.
La 5 sulla direttrice di Viale Fulvio Testi, per alleggerire la linea 1 , per arrivare fino a Monza.
Bene, bravi, bis, tris.
......
Ma queste linee le stiamo veramente costruendo o ci facciamo prendere per il culo?
Il CIPE a marzo approva i finanziamenti per la linea 4, cruciale per lo sviluppo del sistema di mobilità milanese.
E poi?
E poi stiamo ancora aspettando, perché dai siti di ATM, Regione Lombardia, Governo non è dato sapere se questa stramaledetta linea 4 si riuscirà a fare oppure no. Non è dato sapere se lo Stato mette a disposizione i finanziamenti necessari, visto che le centinaia di milioni di euro mecessari il Comune li vede col binocolo.

10 commenti:

bonnie ha detto...

a me basterebbe la fermata San Siro. Non mi sembra di chiedere molto, specie per una città che è famosa per 3 cose: Duomo, San Siro, CasaSiry.
Se esiste Gambara, per carità, utilissima per chi deve andare alla macelleria araba o al ristorante cinese, non vedo perché non debba esistere San Siro.

robbie ha detto...

si no, poi è inaccettabile che al mekan ci si arrivi solo col 14... e facciamo passare una bella linea in via carlo troya porca troia!!!!

fayna ha detto...

io chiedo che venga tutelato il trasporto su gomma!
i gommoni degli albanesi spesso non raggiungono manco la costa, è inammissibile!
carlo tu sei un mito, come ti escono sti post? il fatto è che hai sollevato una questione importante, stavolta sì. D'altronde è da anni che mi sono promesso di progettare il ramo della rossa che congiunga inganni a lotto, fermando in fleming e a s.siro (spiazzo dello stadio, porco culo!). Cosa ci vuole a scavare sottoterra dico io? a tamponare non ci vuole niente e a scavare invece sì? troppo facile fare così. Quindi o ci diamo una mossa o qua diventiamo gli zimbelli d'europa. Non dico 13 linee come londra, ma sfruttare il sottosuolo meno di come facciano a bucarest mi pare vergognoso..

Fabri ha detto...

non ci sono i soldi. pensiamo prima a ridurre gli stronzi che vanno in giro in macchina. un bel pedaggio soprattutto a chi testa di cazzo vieni in macchina da solo e a chi va in giro per il centro con i suv. che poi io dico... ma che cazzo ti porti a fare il suv in via torino che a momenti non ci passi.

CarCarlo ha detto...

BRAVO FABRI!
Sottoscrivo.
E' triste, limitante della libertà individuale, ma l'automobile in centro città è da evitare. Dalla circolare interna, cioè. Viale Papiniano, Giangaleazzo, Porta Vercellina, ecc

CarCarlo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
CarCarlo ha detto...

Su questo tema vi invito a visitare:
http://www.msrmilano.com/
Ottimo sito sull'argomento, segnalatomi dal mitico Pianificatore Territoriale, nonché amico, nonché futuro compagno di viaggio in terra di Spagna, Nicola.

paul ha detto...

qui servono le macchine volanti stile ritorno al futuro 2...

fayna ha detto...

o un ritorno agli asinelli...
mmmmmmhhhh, a-si-nel-li

sorellina ha detto...

tipo a gardaland che c'è il bidone che ti porta in giro a 10 metri di altezza