martedì, dicembre 05, 2006

Alleggeriamo

E bella che ieri il Lecce di Zeman ha vinto!
Il periodo non è dei migliori per il boemo che ha passato una vita di frontiera nel mondo del calcio, però un po' di ossigeno gli giunge proprio da questi tre punti, conquistati contro il Brescia. Lecce squadra simpatica (Pietro sarai d'accordo spero? ihih) con una famiglia al timone un po' criticata e un pazzo in panchina. Zeman, controcorrente sempre e comunque. Il suo gioco offensivo ha deliziato l'Italia per anni (e pure la Roma, dove sbocciò Totti, già lanciato da Carletto), sebbene a volte le difese non fossero proprio granitiche, eheheh.
C'è chi dice che non serve a un cazzo, perché è un modo di giocare kamikaze e non redditizio. Per certi versi può anche essere vero, ma le squadre di Zeman se le ricordano tutti indelebilmente. Oltre a quello Zeman è un mito per i suoi modi di fare, per i suoi comportamenti, per quello che ha detto senza remore o paure a proposito dell'uso di farmaci da parte dei medici sportivi. (chi non ricorda la scene mute dei giocatori della Juve al processo contro Agricola e Giraudo? non so... non ricordo... prendevo qualcosa... MAVAFF).

4 commenti:

andryi ha detto...

lieccie scuadra fuerte

bonnie ha detto...

ballero-bonnie-siry-depa.
anche senza zeman in panca, agli allena di ieri abbiamo fatto vedere come si gioca a "calcio a 4 con diritto di ziata".

con ballerazzi capocannoniere.

CarCarlo ha detto...

UDUNNI!
Sottoscrivo.

Pietrus ha detto...

Il bello che è se il Lecce fosse stato ripescato in serie A, probabilmente adesso saremmo terzi in classifica. Ma essendo in serie B, dove le squadre giocano con meno fronzoli, siamo quasi in zona retrocessione. Ma ti chiedo Carlo, perchè non ci avete lasciato Vucinic, tanto con voi non gioca mai, e con noi avrebbe già fatto 15 gol ?
Misteri della Fede